Vai al men¨ principale Vai al men¨ secondario Vai ai contenuti Vai a fondo pagina
Direzione Didattica Cesena 2 - Cesena (FC)
DIREZIONE DIDATTICA STATALE
CESENA 2
Via Quarto dei Mille, 175 - 47522 - Cesena (FC) - Tel. 0547 601084
E-mail: FOEE018009@istruzione.it - PEC: FOEE018009@pec.istruzione.it
Direzione Didattica Cesena 2 - Cesena (FC)
Direzione Didattica Cesena 2 - Cesena (FC)
DIREZIONE DIDATTICA STATALE
CESENA 2
Sezioni principali
Iscrizioni
Presentazione
Progetti
Bullismo-cyberbullismo
LegalitÓ/cittadinanza/sicurezza e salute/privacy
Privacy e regolamento europeo
Regolamenti e organizzazione
Trasparenza
Modulistica
Inclusione dsa-bes-disabilitÓ
Sportello grafologia
Mense-Servizio comunale
Scuola e Famiglia
Associazioni genitori
Area emergenze meteorologiche

Piano Nazionale per l'educazione al rispetto, Linee guida nazionali e Linee di orientamento

Sul sito dell'Ufficio Scolastico Regionale per l'Emilia-Romagna è stato recentemente pubblicato il volume "Riflessioni social...con le mani in rete": per i docenti, i genitori e gli operatori scolastici esso costituisce un importante atto di formazione-informazione sulle tematiche dell'educazione alla legalità e cittadinanza attiva (e nello specifico sull'educazione contro bullismo e cyberbullismo).

Apri qui il documento

 

Piano nazionale per l'educazione al rispetto, Linee guida nazionali e Linee di Orientamento per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo nelle scuole.

Di seguito riportiamo la Nota della Direzione Generale per lo studente, l'integrazione e la partecipazione del 27 ottobre 2017, il Piano Nazionale per l'educazione al rispetto, le Linee guida nazionali (art. 1 comma 16  L. 107/2015) e le Linee di Orientamento per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo nelle scuole.

Il fenomeno del bullismo è una manifestazione di forte disagio infantile e adolescenziale sempre più diffuso. Attraverso l'uso crescente della tecnologia con pc, tablet, smartphone e della comunicazione on-line, ha assunto le forme pericolose e subdole del "cyber bullismo" mediante il quale si agisce in anonimato con messaggi e pubblicazioni lesive sui siti web.

Valutando che tali fenomeni, possono, se non adeguatamente controllati e orientati, manifestare i primi segnali di nascita, anche nelle scuole del primo ciclo, si fa presente che, protagonisti del fenomeno "bullismo" e "cyberbullismo" sono da una parte i bulli che ripetutamente sfruttano una situazione di superiorità per aggredire, denigrare, insultare e isolare un compagno e dall'altra, le vittime che spesso, in condizioni di particolare vulnerabilità, non riescono a difendersi e a reagire, vivendo quindi uno stato di profonda sofferenza ed emarginazione. 
Accanto a loro giocano un ruolo altrettanto rilevante gli "esterni", i compagni, che assistono agli episodi o sono informati del loro verificarsi in qualità di testimoni passivi.

Dalla consapevolezza di queste realtà si origina l'esigenza di conoscere, prevenire e contrastare il fenomeno, finalità che il Ministero dell'Istruzione ha cominciato ad attuare dal 2007, all'interno di una serie di interventi nelle scuole, per mettere in atto strategie mirate ad arginare il bullismo e le sue molteplici espressioni. 
Oltre ai vari piani realizzati, dei quali si evidenziano l'apertura di una casella di posta*,linee telefoniche dedicate e un sito web per segnalazioni e richieste di indicazioni e consigli, dal 2012 il Miur ha aderito al piano comunitario europeo "Safer Internet". Il progetto "Generazioni connesse-safer internet centre italiano" co-finanziato dalla Commissione Europea e coordinato dal Miur, agisce insieme a vari "partner" italiani che si dedicano alla sicurezza in rete operando su più fronti. 
Inoltre il Ministero dell'Istruzione intende "reinterpretare" i compiti e le funzioni operative e concrete di tutta la struttura organizzativa per il contrasto al bullismo, che fino ad oggi aveva il suo punto di riferimento negli Osservatori Regionali e trasferirla presso i CTS: Centri Territoriali di Supporto a livello provinciale.

"Le linee di Orientamento" di seguito allegate ed elaborate dal Miur, rappresentano una guida per le Istituzioni Scolastiche con l'intento di rinnovare le modalità d'intervento avviate in questi anni, non per annullare le precedenti, ma per integrarle con nuove osservazioni, procedure ed esperienze in sintonia con le trasformazioni avvenute nel tempo sul piano sociale, etico e culturale.

A conclusione di queste riflessioni, va sottolineata l'influenza che scuola e famiglia rivestono per favorire la diffusione di un atteggiamento di accettazione, rispetto ed educazione nei confronti della diversità; in modo specifico la prima è chiamata ad adottare misure per prevenire e fermare forme di violenza e intolleranza, mentre alla famiglia si chiede collaborazione non solo per educare i figli, ma anche per la tutela e la sorveglianza dei loro comportamenti, nell'ottica della loro crescita responsabile e matura.

Vista l'importanza del tema si chiede ai docenti e a tutto il personale della scuola di leggere con attenzione i testi allegati e di continuare ad attivare tutte le modalità e le strategie educative possibili, per evitare forme di bullismo e disagio e formare ed educare futuri cittadini attivi e consapevoli!

 
 

IL DIRIGENTE SCOLASTICO
Stefania Rossi


Documenti allegati:


 Feed RSSStampa la pagina 
Torna indietro Torna su: access key 5
HTML5+CSS3
Copyright © 2007/2018 by www.massimolenzi.com - Credits
Utenti connessi: 827
N. visitatori: 2366880